Portare privatamente la biometria sul dispositivo e la stima dell’età in vari settori di mercato

Il desiderio di proteggere i bambini da contenuti e beni inappropriati è legato a preoccupazioni più ampie sulla fiducia nel mondo digitale e incontra gli stessi problemi sulla sensibilità dei dati biometrici.

Privately, una start-up con sede in Svizzera, sta applicando la sua esperienza nell’edge computing per inserire la biometria multimodale, la stima dell’età o la verifica dell’età sui dispositivi degli utenti finali. Il CEO e co-fondatore Deepak Tewari racconta Aggiornamento biometrico in un’intervista che l’azienda ha iniziato con l’edge computing per casi d’uso di auto-aiuto, che spesso coinvolgono bambini online.

Un esempio è il rilevamento della nudità in un’immagine prima che lasci il dispositivo per attivare un avviso e un impegno diverso per impedirne la condivisione.

La base del prodotto è nata da un progetto di ricerca finanziato dal governo svizzero e realizzato in collaborazione con l’Idiap Research Institute sotto la guida del professor Sebastian Marcel, racconta Tewari.

Con leader del settore come Yoti e FaceTec sotto tiro, Tewari ha visto la situazione essere affrontata in un modo che giustifica l’attenzione di Privately nel mantenere i dati biometrici sul dispositivo.

Privately ha sempre operato come fornitore di tecnologia B2B, lavorando su un’app per bambini della BBC e una prova con Epic Games.

Ora, Tewari afferma che sta riscontrando un forte interesse da parte di un’ampia gamma di industrie per utilizzare la sua biometria facciale e vocale, da sola o in combinazione, per il rilevamento della vivacità e la stima dell’età.

Il dispositivo su cui gira la tecnologia di Privately può includere un PC desktop, ma ancora una volta, spiega, “nessuno dei dati biometrici dell’utente lascia mai il browser dell’utente”.

La biometria facciale consente di implementare Privately per la verifica dell’identità con documenti di identità, mentre la voce consente la garanzia di una seconda modalità, o un processo più leggero che potrebbe essere comodo per gli utenti in situazioni in cui non vogliono accendere una webcam, come accedere a un sito per adulti, sottolinea Tewari.

La voce è inoltre protetta dallo spoofing chiedendo all’utente di leggere una frase per i dati della sonda. La complessità della frase può essere variata per adattarsi al caso d’uso.

Dimostrando che funziona

L’Information Commissioner’s Office del Regno Unito ha eseguito un audit sulla domanda di Privately e Tewari afferma che l’ICO l’ha apprezzata come una “applicazione a dati zero”.

La stima dell’età di Privately è stata testata e certificata dallo schema UKAS e Tewari afferma che il suo tasso medio di errore sull’età è 1,26; meglio dei numeri pubblici di Yoti.

L’azienda sta ora perseguendo opportunità con aziende in settori che vanno dalla pubblicità ai trasporti allo svapo.

In quest’ultimo caso, una penna vape può essere associata al suo utilizzatore, con una frase parlata utilizzata per sbloccare il dispositivo con la biometria vocale. Come nei casi d’uso KYC, afferma Tewari, questa applicazione richiede vivacità: “non dovrebbe essere facile ingannare il sistema”.

L’operatore o il titolare del trattamento non ha tuttavia accesso ai dati biometrici né ha necessità di conservarli. Nemmeno in privato. Ciò protegge sia dal rischio di una violazione dei dati sia da potenziali responsabilità.

“Quando questa pagina richiede tecnologia privata, i nostri modelli di apprendimento automatico vengono scaricati nel browser e vengono eseguiti completamente sul browser”, spiega Tewari.

Privately utilizza anche l’apprendimento federato per apprendere dalla stima dell’età del modello rispetto a ciò che dice un documento ID NFC.

Portare i controlli dell’età sul dispositivo al mainstream

Privately sta ora parlando con gli investitori e sta valutando l’espansione in Nord America.

Esistono numerosi scenari, comprese le aziende che cercano di evitare la responsabilità ai sensi del BIPA e regolamenti simili, che potrebbero trarre vantaggio dal mantenere i dati biometrici nelle mani dell’utente. Il California Age Appropriate Design Code sta suscitando l’interesse anche degli avvocati negli Stati Uniti.

“Dal punto di vista della gestione dei dati biometrici, l’onere per l’industria è completamente ridotto in questo tipo di implementazione”, afferma Tewari.

La tecnologia può anche essere implementata come funzione di scansione per le casse automatiche al dettaglio.

Privately sta attualmente parlando con “un giocatore pos piuttosto grande”, secondo Tewari, ma la maggior parte delle aziende nello spazio sta attualmente aspettando di vedere come si sviluppa la legge.

L’azienda propone anche la voce per la verifica e la riverifica nello spazio KYC, ma nel suo modo a zero dati e incentrato sulla privacy dell’utente, utilizzando documenti di identità abilitati NFC.

Lo spostamento di processi come la garanzia dell’età sul dispositivo offre anche un vantaggio nella riduzione del carico di back-end. Instagram effettua 100 milioni di controlli all’anno, afferma Tewari, e su scala con un’implementazione lato server, “Amazon diventerebbe piuttosto ricco”.

Tutto ciò si aggiunge a un interesse significativo da parte delle aziende in una varietà di settori verticali.

“I primi promotori provengono dall’industria per adulti, dall’industria dei beni soggetti a restrizioni e, cosa interessante, dall’industria pubblicitaria”, afferma Tewari. “L’industria pubblicitaria ritiene che molti soldi vengano sottratti, perché se Instagram dice che sto mostrando il tuo annuncio a un 25enne ma in realtà è un dodicenne, quello, diciamo, annuncio immobiliare in realtà è sprecato”.

Tuttavia, non tutti i modelli biometrici sono abbastanza leggeri da funzionare su un dispositivo utente.

Il modello di Privately è abbastanza leggero, dice Tewari, anche con modalità multiple e la possibilità di eseguire assegni con bambini diversi.

Ciò differenzia la tecnologia dell’azienda e dà a Tewari ottimismo sul fatto che le distribuzioni di produzione siano in anticipo.

Argomenti dell’articolo

verifica dell’età | rilevamento della vivacità biometrica | biometria | biometria al limite | bambini | riservatezza dei dati | biometria facciale | In privato | biometria vocale

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *