Perché l’Oceano Pacifico è diventato rosa al largo del Calif costa

Onde colorate di rosa si sono riversate su una spiaggia di San Diego, nel sud della California, il 14 gennaio. 20, offrendo a chiunque passeggi lungo la spiaggia uno spettacolo improbabile.

Le acque color Pepto Bismol sono state viste a Torrey Pines State Beach and Natural Reserve, dove lo Scripps Institution of Oceanography dell’UC San Diego sta conducendo un esperimento.

I ricercatori universitari hanno iniettato nell’acqua una tintura rosa non tossica per osservare come l’acqua dolce proveniente da aree interne come fiumi ed estuari interagisce con la zona di surf quando sfocia nell’oceano.

Scripps ha dichiarato in una dichiarazione pubblicata online che sta collaborando con l’Università di Washington per l’esperimento, che continuerà fino a febbraio. Il primo rilascio di colorante, il 14 gennaio. 20, dovrebbe essere seguito da altri due, a fine gennaio e inizio febbraio.

Nel gennaio e febbraio del 2023, lo Scripps Institution of Oceanography dell'UC San Diego e i ricercatori dell'Università di Washington hanno condotto un esperimento colorante rosa, intitolato Plumes in Nearshore Conditions, o PiNC, per studiare come i piccoli deflussi di acqua dolce interagiscono con la zona di surf.

Nel gennaio e febbraio del 2023, lo Scripps Institution of Oceanography dell’UC San Diego e i ricercatori dell’Università di Washington hanno condotto un esperimento colorante rosa, intitolato Plumes in Nearshore Conditions, o PiNC, per studiare come i piccoli deflussi di acqua dolce interagiscono con la zona di surf.


Scripps Institution of Oceanography/Erik Jepsen/UC San Diego
Nel gennaio e febbraio del 2023, lo Scripps Institution of Oceanography dell'UC San Diego e i ricercatori dell'Università di Washington hanno condotto un esperimento colorante rosa, intitolato Plumes in Nearshore Conditions, o PiNC, per studiare come i piccoli deflussi di acqua dolce interagiscono con la zona di surf.

Nel gennaio e febbraio del 2023, lo Scripps Institution of Oceanography dell’UC San Diego e i ricercatori dell’Università di Washington hanno condotto un esperimento colorante rosa, intitolato Plumes in Nearshore Conditions, o PiNC, per studiare come i piccoli deflussi di acqua dolce interagiscono con la zona di surf.


Erik Jepsen, Scripps Institution/Erik Jepsen/UC San Diego
Nel gennaio e febbraio del 2023, lo Scripps Institution of Oceanography dell'UC San Diego e i ricercatori dell'Università di Washington hanno condotto un esperimento colorante rosa, intitolato Plumes in Nearshore Conditions, o PiNC, per studiare come i piccoli deflussi di acqua dolce interagiscono con la zona di surf.

Nel gennaio e febbraio del 2023, lo Scripps Institution of Oceanography dell’UC San Diego e i ricercatori dell’Università di Washington hanno condotto un esperimento colorante rosa, intitolato Plumes in Nearshore Conditions, o PiNC, per studiare come i piccoli deflussi di acqua dolce interagiscono con la zona di surf.


Scripps Istituto di oceanografia


Nel gennaio e nel febbraio del 2023, lo Scripps Institution of Oceanography dell’UC San Diego e i ricercatori dell’Università di Washington hanno condotto un esperimento con una tintura rosa (Erik Jepsen, Scripps Institution/Erik Jepsen/UC San Diego)

Quando i fiumi e gli estuari si riversano nell’oceano, trasportano sedimenti e contaminanti, e “poco si sa su come questi pennacchi di acqua più vivace e fresca interagiscano con l’ambiente oceanico più denso, più salato e spesso più freddo vicino alla costa, in particolare quando i pennacchi incontrano onde che si infrangono. ”, ha detto l’istituzione.

I ricercatori stanno versando la tintura rosa nell’acqua dolce all’interno dell’estuario della riserva e ciò consente loro di seguire e studiare l’acqua mentre scorre nell’oceano.

“Sono entusiasta perché questa ricerca non è mai stata fatta prima ed è un esperimento davvero unico”, ha detto in una dichiarazione l’oceanografa costiera di Scripps Sarah Giddings, che sta conducendo lo studio. “… Combineremo i risultati di questo esperimento con un vecchio studio sul campo e modelli informatici che ci consentiranno di fare progressi nella comprensione di come si diffondono questi pennacchi”.



Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *