Microsoft scommette sull’intelligenza artificiale per guidare la prossima ondata di cloud, i ricavi

Mentre Microsoft ha riportato un rallentamento dei ricavi del cloud nel suo secondo trimestre fiscale, il CEO di Microsoft Satya Nadella ha espresso ottimismo su un rimbalzo che sarà guidato dalla forte infusione di AI nei prodotti principali, tra cui Azure e Office.

Rivolgendosi agli analisti finanziari nella sua riunione trimestrale, Nadella ha aggiunto che Microsoft 365 e Azure sono in rapida evoluzione in una “piattaforma AI-first” che renderà gli utenti più produttivi e offrirà maggiori opportunità di essere creativi sia con le applicazioni esistenti che con quelle nuove.

“La prossima grande ondata di informatica sta nascendo mentre trasformiamo i nostri modelli di intelligenza artificiale in nuove piattaforme informatiche”, ha affermato martedì durante la chiamata degli investitori. “Questo è un momento importante per Microsoft per lavorare con i clienti per aiutarli a realizzare più valore dagli investimenti IT, oltre a fidelizzarli a lungo termine, allineando la nostra struttura dei costi con la crescita dei ricavi”.

Nonostante il rallentamento, Microsoft è riuscita a ottenere un piccolo aumento delle entrate complessive per il suo secondo trimestre fiscale.

Satya NadellaSatya Nadella, CEO di Microsoft

La società ha registrato un aumento del fatturato del 2%, a $ 52,75 rispetto a $ 51,72 miliardi, mentre l’utile netto è sceso a $ 16,43 miliardi rispetto a $ 17,4 miliardi nel trimestre di un anno fa. Le entrate del cloud Microsoft sono state di $ 27,1 miliardi, in aumento del 22% su base annua, secondo Satya Nadella, CEO di Microsoft, nelle osservazioni fatte agli analisti finanziari.

La crescita di Azure è rallentata al 31%, superando di poco il consenso degli analisti del 30,8%. La piattaforma cloud è cresciuta del 35% nel trimestre conclusosi a dicembre. 31. I prodotti server e i servizi cloud sono cresciuti del 20%, trainati principalmente da Azure e altri servizi cloud, che sono aumentati del 31%.

Spiegando il rallentamento di alcune parti del business cloud dell’azienda, Nadella ha affermato che le organizzazioni sono diventate caute nella seconda metà del 2022 date le sfide imposte dalla pandemia e dalla pressione inflazionistica.

Proprio come abbiamo visto i clienti accelerare la loro spesa digitale durante la pandemia, ora li vediamo prendersi del tempo per ottimizzare tale spesa. Queste organizzazioni stanno anche esercitando cautela data l’incertezza macroeconomica.

Satya NadellaMicrosoft, amministratore delegato

“Proprio come abbiamo visto i clienti accelerare la loro spesa digitale durante la pandemia, ora li vediamo prendersi del tempo per ottimizzare tale spesa”, ha affermato Nadella. “Anche quelle organizzazioni stanno esercitando cautela, data l’incertezza macroeconomica”.

Un analista ha condiviso questo ottimismo, affermando che le aziende inizieranno a spendere più liberamente per i servizi cloud nel corso dell’anno.

“Il rallentamento sarà temporaneo. Credo che rifletta l’austerità del mercato in questo momento”, ha affermato Dan Newman, principale analista di Futurum Research e CEO di Broadsuite Media Group. “Le loro prestazioni cloud per il trimestre rappresentano una crescita abbastanza decente in un mercato che è generalmente considerato orribile in questo momento.”

AI per guidare la crescita

Newman ha aggiunto che i recenti investimenti dell’azienda in ChatGPT contribuiranno a fungere da acceleratore per le vendite cloud di Microsoft in futuro.

“Gli utenti sono alla ricerca di modi per ottenere di più dagli investimenti tecnologici che hanno effettuato”, ha affermato Newman. “L’inclusione fondamentale dell’intelligenza artificiale in più offerte aggiungerà valore e darà anche [Microsoft] più potere di determinazione dei prezzi”.

Sostenendo le sue ambizioni di creare piattaforme core basate sull’intelligenza artificiale, Microsoft all’inizio di questa settimana ha fatto forse la sua mossa più audace fino ad oggi nella tecnologia. La società ha investito altri 10 miliardi di dollari in OpenAI, creatori di ChatGPT. Microsoft prevede di utilizzare la tecnologia basata sull’intelligenza artificiale come un modo per “democratizzare l’IA come nuova piattaforma tecnologica”.

OpenAI ha lavorato a stretto contatto con Azure di Microsoft. Già nel 2019 Microsoft ha effettuato il suo primo investimento nella startup AI, investendo 1 miliardo di dollari. Come parte di tale accordo, Microsoft è diventata il fornitore esclusivo di servizi di cloud computing per OpenAI.

Microsoft intende integrare ChatGPT in tutta la sua linea di prodotti nella speranza di competere con un’ampia gamma di rivali, tra cui Amazon e Google nel cloud e una serie di sviluppatori di applicazioni basate sul web. Lo strumento di intelligenza artificiale generativa si integrerà anche nel motore di ricerca Bing di Microsoft, dove assumerà il leader di mercato praticamente incontrastato, Google.

Lo slancio del cloud rallenta, l’hardware diminuisce

Ciò che ha smorzato quell’ottimismo sono state le dichiarazioni previsionali sulle prospettive a breve termine per la crescita del cloud di Azure. Amy Hood, CFO di Microsoft, ha dichiarato di aspettarsi che la crescita della piattaforma cloud rallenti di altri quattro o cinque punti percentuali rispetto alla sua crescita del 35% nel trimestre di dicembre 2022. Ciò ha fatto scendere il prezzo delle azioni di Microsoft nel trading del tardo pomeriggio.

Le attività OEM e hardware di Windows dell’azienda hanno continuato la loro spirale discendente. Le sue entrate OEM di Windows sono diminuite di circa il 39%, poiché la domanda di PC desktop e laptop continua a diminuire.

Anche i ricavi da dispositivi, come tablet e desktop Surface, sono diminuiti del 39%.

Nel bel mezzo di tutta questa attività, Microsoft continua le sue battaglie con la Federal Trade Commission (FTC) e la Commissione Europea per ottenere l’approvazione della proposta di acquisizione da 69 miliardi di dollari del gigante dei videogiochi Activision Blizzard. Hood ha detto agli analisti di essere fiduciosa di poter concludere l’affare entro la fine del 2023, in attesa dell’approvazione della FTC.

Microsoft ha riferito di aver addebitato un addebito di 1,2 miliardi di dollari in relazione alla sua decisione di licenziare 10.000 dipendenti la scorsa settimana, oltre ai costi associati alla revisione della sua gamma hardware.

In qualità di Editor At Large del News Group di TechTarget, Ed Scannell è responsabile della scrittura e della segnalazione delle ultime notizie, dell’analisi delle notizie e delle funzionalità incentrate su questioni e tendenze tecnologiche che interessano i professionisti IT aziendali.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *