Il piano della mamma di aspettare 13 anni per lasciare il marito sconvolge Internet

Un post su una mamma che sceglie di “sopportare” suo marito per evitare di avere meno accesso ai suoi figli se dovesse divorziare è stato invitato a lasciare il matrimonio dagli utenti su Mumsnet, il forum online con sede nel Regno Unito.

In un post condiviso sul subforum Am I Being Unreasonable (AIBU) di Mumsnet, l’utente Nevisonspad ha detto che sta con suo marito da oltre 20 anni ed è sposata con lui da 10 anni. Condividono due figli, di 5 e 8 anni.

“Da quando sono arrivati ​​i bambini, è stato sempre più emotivamente violento. Grandi cicli in cui non mi parla per molte settimane se non per gridare che sono una persona vile e cattiva. Ero solito discutere ma ora mi impegno a malapena. No grilletto, nessuna logica, entra solo in uno stato d’animo e dura così per settimane”, ha detto il poster.

Suo marito “non ha problemi di alcol e, a parte tutte le stronzate che mi dà, per il resto è un buon padre”, ha detto l’utente. “Lo avrei lasciato anni fa, ma non voglio vedere i bambini solo la metà del tempo, che è quello che succederebbe se divorzio da lui”.

Coppia seduta, distogliendo lo sguardo l'una dall'altra.
Un’immagine stock di un uomo con le braccia incrociate, che distoglie lo sguardo da una donna dall’aria triste seduta accanto a lui. Un post su una mamma che sta scegliendo di “sopportare” il marito “emotivamente violento” per il bene dei suoi figli è stato invitato a lasciare il matrimonio dagli utenti su Mumsnet, il forum online con sede nel Regno Unito.
iStock/Getty Images Plus

La moglie ha chiesto: “Posso sopportarlo per i prossimi 13 anni (diciamo) per vedere i bambini al 100% di [the] il mio? A volte sono stato molto vicino ad andarmene, ho persino ingaggiato un avvocato, ma non riesco a fare nulla, il che significa che non posso vivere con i bambini il 100% delle volte”.

“Il mio piano è di andarmene quando il mio figlio più giovane esce di casa, e fino ad allora sopportarlo per vedere i bambini il 100% delle volte anziché il 50/50”, ha detto.

Secondo l’US Census Bureau, sia i tassi di matrimonio che di divorzio nel paese sono diminuiti dal 2009 al 2019, ma i tassi variano da stato a stato.

In uno studio del 2013 pubblicato sulla rivista peer-reviewed Psicologia della coppia e della famiglia: ricerca e praticai “principali fattori che contribuiscono al divorzio” più comunemente riportati sono stati la mancanza di impegno, l’infedeltà e il conflitto/litigio.

Secondo lo studio, le ragioni più comuni dell’ultima goccia sono state l’infedeltà, la violenza domestica e l’uso di sostanze.

L’utente nell’ultimo post di Mumsnet ha dichiarato: “Cerco di ridurre al minimo l’impatto sui bambini rimanendo allegro e alla fine lui ne esce e siamo ‘normali’ per un po’, poi inizia a darmi del brutto lavoro di nuovo… urla queste cose solo a me, non ai bambini.”

Ha detto: “So che è un cazzo per i bambini vederlo urlare contro di me, ma la maggior parte delle volte è il trattamento del silenzio e cerco di minimizzarlo ai bambini dicendo semplicemente che papà è di nuovo scontroso. trattamento del silenzio vedono anche lui che mi dà è dannoso, ma sembra meglio delle continue liti ardenti). Finanziariamente sto bene, lavoro a tempo pieno.

Holly Humphreys, una consulente professionale autorizzata (LPC) di Thriveworks, un servizio di consulenza/terapia a Roanoke, in Virginia, ha detto Newssettimana: “Ho sentito parlare ripetutamente dai miei clienti di persone che si sposano per ‘il bene dei bambini’. Tuttavia, i bambini assorbono tutto ciò che li circonda. Assorbono l’amore ma anche comportamenti negativi come l’abuso emotivo che vedono tra i loro genitori.”

L’LPC ha affermato che continuare a rimanere in questa relazione “rafforzerà ulteriormente il fatto che va bene trattare le persone in questo modo ed è giusto accettare questo tipo di trattamento”.

Humphreys ha detto che ci sono modi per ottenere aiuto in modo che il poster possa andarsene e ottenere la piena custodia dei suoi figli, soprattutto se ci sono prove dell’abuso emotivo.

Ha detto: “Vedo che sta cercando di fare ciò che è meglio per i suoi figli, ma sottoporli a comportamenti emotivamente violenti e negligenti non è salutare per loro e potrebbe causare molti traumi”.

L’LPC ha consigliato al poster di voler sottoporsi a terapia per vedere quali risorse sono disponibili per i passaggi successivi. “Non può controllarla [her husband’s] comportamento, ma può controllare chi deve sopportarlo.”

L’avvocato divorzista Nicole Sodoma, fondatrice dello studio legale Sodoma con sede nella Carolina del Nord e del Sud e autrice di Per favore, non dire che ti dispiacedetto Newssettimana: “Non cadere nell’errata percezione che i tuoi figli non possano sentire, non possano vedere o non possano sentire come le affermazioni negative sulla loro madre abbiano un impatto su di lei e alla fine su di loro.

“Non solo questi comportamenti possono cambiare la loro visione della madre (e di altre figure genitoriali e autorevoli nella loro vita), ma possono anche essere ricevuti da ogni bambino in modo diverso”, ha detto.

“Sapendo che non puoi cambiare un’altra persona”, Sodoma ha consigliato all’utente nell’ultimo post di Mumsnet di “dare la priorità a come affrontare queste interazioni ad alto conflitto”. Quindi può insegnare ai suoi figli abilità di coping adeguate all’età per aiutarli anche a gestire il conflitto in modo sano.

Ragazza con le orecchie chiuse, nessuna delle due coppie litiga.
Un’immagine stock di una giovane ragazza con le dita inserite nelle orecchie e gli occhi chiusi, mentre una coppia discute su un divano sullo sfondo. Diversi utenti su Mumsnet hanno avvertito il poster originale dell’impatto dannoso che la permanenza nel suo matrimonio avrebbe avuto sui suoi figli.
iStock/Getty Images Plus

In questo modo, “se pensi che la separazione e il divorzio siano la risposta, i tuoi figli avranno già quelle capacità di coping in modo che tu possa fare i compiti su ciò che potrebbe essere necessario per te per arrivare dall’altra parte della tua relazione. Potresti non siate ottimi coniugi, ma potete comunque essere dei genitori fantastici”.

L’avvocato ha anche consigliato al poster di assicurarsi di trovare il giusto consulente legale “che sarà la tua voce e difenderà le cose che sono più importanti per te pur essendo sincero nel dirti ciò che è e non è possibile o ragionevole”.

Ha detto: “Il tuo avvocato ha bisogno di dedicare il tempo oggi a istruirti sulle tue opzioni, sia che si tratti del tuo programma genitoriale, di come vengono prese le decisioni per i tuoi figli (come l’istruzione, le cure mediche, ecc.) E quale sostegno finanziario potrebbe essere richiesto in modo che tu possa prendere le decisioni migliori per te e la tua famiglia domani”.

Diversi utenti su Mumsnet hanno esortato il poster originale a lasciare il marito.

L’utente Aprilx ha detto: “No, non sopportarlo per altri 13 anni, hai solo una vita. Scommetto che non andrebbe comunque per 50:50”, mentre NoSleepTil ha semplicemente detto: “Per favore, lascialo”.

Aquamarine1029 ha avvertito: “Stai minimizzando grossolanamente l’impatto che questa vita domestica orrendamente tossica avrà sul futuro dei tuoi figli… mi dispiace essere schietto, ma sei complice degli abusi che stanno subendo a questo punto. Hai la possibilità di andartene. Lo farò subito”.

L’utente C***yMcBollocks ha dichiarato: “YABU [you are being unreasonable] solo per il fatto che questo sarà più dannoso per i tuoi figli a lungo termine…”

PolkadotsAndCandyfloss ha detto: “Non puoi essere infelice per così tanti anni! Hai solo una vita, che spreco sarebbe… vattene prima che le cose peggiorino – non meriti di essere trattato così”.

Se pensi di essere vittima di abusi, contatta il numero 1-800-799-SAFE (7233) o 1-800-787-3224 TTY. Oppure chatta con qualcuno online su TheHotline.org, consiglia la National Domestic Violence Hotline.

Hai un dilemma matrimoniale simile? Faccelo sapere tramite life@newsweek.com. Possiamo chiedere consiglio agli esperti e la tua storia potrebbe essere inclusa Newssettimana.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *