I residenti di East Maui hanno sopportato un mese senza telefono o Internet dopo la tempesta

Una remota comunità di famiglie in gran parte native hawaiane nell’East Maui ha trascorso un mese senza telefono e servizi Internet dopo che una potente tempesta a dicembre ha abbattuto i pali della luce.

Più di 80 famiglie nell’area di Keanae-Wailuanui si affidano a Hawaiian Telcom.

Mappa di localizzazione di Maui

Sebbene il servizio sia stato finalmente ripristinato giovedì, la lunga interruzione dei servizi di telecomunicazione ha causato disagi, difficoltà emotive e situazioni difficili dal punto di vista medico.

I residenti che avevano bisogno di effettuare telefonate dovevano guidare un’ora a est per Haiku o un’ora a ovest per Hana, come Anela Akuna, il cui figlio di 15 anni ha subito un grave attacco d’asma a Capodanno.

“Non sono riuscito a chiamare il 911”, ha detto Akuna.

Ha messo il ragazzo nella sua macchina, ha acceso le luci di emergenza e l’ha diretta verso il Maui Memorial Hospital di Wailuku. Le ci è voluta un’ora e mezza per arrivare.

“Non mi fermavo per nessuno. Ho detto che se la polizia vuole fermarmi e arrestarmi, possono incontrarmi al pronto soccorso”, ha detto Akuna.

Ed e Mahealani Wendt si sono sentiti tagliati fuori per settimane dopo aver perso il servizio Internet e telefonico durante una tempesta a dicembre. Per gentile concessione: Mahealani Wendt

Mahealani Wendt, il cui marito Ed ha gravi condizioni di salute, è tra coloro che si affrettarono a fare telefonate urgenti da un parcheggio del centro sociale di Haiku per organizzare appuntamenti dal medico e ricariche di prescrizioni. Normalmente, la famiglia gestisce tali compiti online.

Lei ed Ed, i cui compleanni sono a dicembre e gennaio, non potevano parlare con i loro figli e nipoti o festeggiare in quelle date importanti con telefonate, tra le altre cose. Si sentivano tagliati fuori e isolati dal mondo esterno.

Dopo che la tempesta si è placata, Wendt ha detto di essere andata a Haiku e di aver chiamato il servizio clienti di Hawaiian Telcom per la sua mancanza di servizio, ma non ha trovato alcuna soluzione.

Wendt, una poetessa, organizzatrice di comunità ed ex capo della Native Hawaiian Legal Corporation, ha detto in un’altra occasione di essere riuscita a parlare con un agente situato alle Hawaii e quella persona ha fissato un appuntamento per un addetto alle riparazioni che venisse a casa di Wendt il 12 dicembre. 29. Ma non si è presentato nessuno, ha detto Wendt.

“Comprendiamo che questo è stato un momento molto difficile a causa del notevole impatto che la tempesta ha avuto in tutta la contea”, ha dichiarato Ann Nishida Fry, portavoce di Hawaiian Telcom.

Fry ha detto il Dec. 19 tempeste hanno abbattuto 32 pali del telefono in tutto il Maui Country, di cui 22 nelle vicinanze dell’Hana Highway. Da allora, le squadre di Hawaiian Telcom hanno lavorato diligentemente per effettuare riparazioni e ripristinare il servizio ai clienti, ha affermato.

L’area di Keanae-Wailuanui è remota e accidentata, il che rende difficile l’accesso con camion e attrezzature di grandi dimensioni.

Il villaggio di Wailuanui si trova in una zona remota di Maui, il che rende più difficile ripristinare rapidamente il servizio. Per gentile concessione: Mahealani Wendt

“Questo è stato uno dei motivi per cui le cose hanno richiesto un po’ più di tempo”, ha detto Fry.

Un appaltatore ha impiegato una settimana per rimuovere gli alberi caduti dai cavi abbattuti in modo che i camion delle telecomunicazioni hawaiane potessero farcela. I lavori di rimozione degli alberi sono iniziati la vigilia di Natale, dopo che le squadre delle telecomunicazioni avevano valutato i danni a partire dal 12 dicembre. 21.

“I nostri team hanno lavorato diligentemente durante le festività natalizie e anche gli equipaggi sono arrivati ​​da Oahu per accelerare il restauro”, ha affermato Fry.

Circa un terzo dei clienti di Keanae-Wailuanui che hanno perso i servizi di telecomunicazione si è riconnesso il 14 gennaio o subito dopo. 13, disse Fry.

Edificio Hawaiian Telcom su Bishop Street.
Hawaiian Telcom afferma che circa un terzo dei clienti di Keanae-Wailuanui ha perso il servizio nel dicembre 2018. La tempesta del 19 lo fece restaurare entro il 14 gennaio. 13. Cory Lum/Civil Beat/2020

Ma con il passare dell’interruzione, diversi clienti hanno affermato di aver iniziato a sentirsi disperati.

Wendt ha chiesto aiuto a un’amica che vive ad Haiku quando i suoi sforzi non hanno ottenuto risultati. Shay Chan Hodges, uno scrittore di sovvenzioni e attivista della comunità, ha iniziato a fare chiamate e inviare e-mail a funzionari eletti, tra cui l’ufficio del governatore e la delegazione del Congresso delle Hawaii, chiedendo loro di contattare Hawaiian Telcom.

Rappresentante. Mahina Poepoe di Molokai era tra i politici che hanno prontamente risposto e contattato l’azienda.

Mahina Poepoe
Rappresentante. Mahina Poepoe ha esortato Hawaiian Telcom a rispondere rapidamente alla necessità di ripristinare l’alimentazione.

“Dopo di che sembrava che la risposta fosse stata rapida”, ha detto Poepoe, che rappresenta House District 13.

“Da quello che ho capito, il danno è stato notevole. Ma soprattutto nelle nostre comunità rurali, dobbiamo davvero assicurarci di cercare di fornire loro servizi rapidamente dopo questo tipo di eventi”, ha affermato Poepoe.

Wendt ha affermato di ritenere che la comunità sia stata lasciata all’oscuro e praticamente trascurata per un mese, e che è indicativo che i residenti abbiano sentito il bisogno di ottenere il sostegno di funzionari eletti per risolvere la situazione.

“È estremamente triste che dobbiamo ricorrere a tali misure”, ha detto.

Pauahi Hookano di Wailuanui è un paziente in dialisi. Ha descritto l’ultimo mese come un incubo vivente.

“Essere completamente tagliati fuori e fuori portata, è stato molto frustrante e abbastanza spaventoso”, ha detto Hookano.

La copertura di Civil Beat della contea di Maui è sostenuta in parte da sovvenzioni della Nuestro Futuro Foundation e della Fred Baldwin Memorial Foundation.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *