Glitch revoca la protezione del copyright per il fumetto generato dall’intelligenza artificiale • The Register

Un problema tecnico nel software di registrazione dei dati pilotato dall’US Copyright Office (USCO) ha accidentalmente revocato la registrazione del copyright di una graphic novel generata dall’intelligenza artificiale.

L’applicazione al diritto d’autore Zarya dell’alba, un fumetto contenente immagini create dallo strumento di conversione da testo a immagine Midjourney, è stato archiviato da Kris Kashtanova all’inizio dello scorso anno. A settembre, l’USCO ha approvato la prima domanda nel suo genere, portando molti a credere che il copyright potrebbe essere assegnato a creatori umani per opere assistite dall’intelligenza artificiale.

L’IA generativa ha portato nuove capacità creative e introdotto nuovi dibattiti su ciò che può e non può essere protetto da copyright.

Le leggi attuali riconoscono solo i contenuti prodotti da autori umani. Il loro lavoro è protetto se è stato generato dall’intelligenza artificiale? La questione, purtroppo, rimane irrisolta.

Sebbene l’USCO abbia accettato la domanda di Kashtanova, ha avviato un’indagine per esaminare il caso in modo più dettagliato e potrebbe revocare l’approvazione del copyright, secondo il punto vendita di fumetti CBR.com.

Kashtanova pensava che l’indagine si fosse conclusa e il loro certificato di copyright fosse stato revocato lunedì dopo che il registro online per l’applicazione aveva riportato una registrazione annullata. Ma è stato successivamente modificato per mostrare che era ancora in vigore. “Il catalogo pubblico ufficiale dell’Ufficio, noto anche come Voyager, riflette l’attuale stato ufficiale di tutti i registri pubblici del copyright”, ha detto un portavoce dell’Ufficio del copyright degli Stati Uniti Il registro in una dichiarazione.

Un problema tecnico nel sistema Voyager aveva erroneamente alterato lo stato del fumetto generato dall’intelligenza artificiale di Kashtanova. “L’Ufficio sta inoltre sperimentando un nuovo sistema di registri pubblici. Il progetto pilota di questo sistema ha lo scopo di identificare problemi o miglioramenti in tale sistema. Questa situazione ha allertato l’Ufficio su un problema di interoperabilità che stiamo lavorando attivamente per risolvere”, ha confermato il portavoce .

In breve, Zarya dell’alba sembra essere protetto dalla legge sul copyright per ora, ma ciò potrebbe cambiare se l’USCO decide che la registrazione per la graphic novel AI non è valida. “L’Ufficio del copyright degli Stati Uniti è a conoscenza di segnalazioni pubbliche relative a una domanda di registrazione del copyright aperta. L’Ufficio non ha emesso una decisione in merito e rimane in corso”, ha affermato un portavoce.

L’avvocato di Kashtanova, Van Lindberg, partner dello studio legale di Atlanta Taylor English, ha affermato di ritenere che il lavoro di Kashtanova meriti di essere legalmente riconosciuto.

“Ogni giorno vengono create migliaia di nuove opere con l’aiuto dell’IA. Questo caso offre all’Ufficio per il copyright la prima possibilità di valutare il lavoro assistito dall’IA. L’Ufficio deve decidere quanta interazione umana è sufficiente per realizzare un lavoro assistito dall’IA. lavoro protetto da copyright. Ci auguriamo che l’Ufficio riconosca il lavoro creativo di Kristina Kashtanova e apra la strada affinché anche gli altri vedano riconosciuta la loro creatività “, ci ha detto.

L’USCO ha stabilito in precedenza che l’intelligenza artificiale non può essere elencata come autore nelle rivendicazioni sul copyright, ma non è ancora chiaro se gli esseri umani possano rivendicare il merito e proteggere i contenuti che non hanno nemmeno generato. Kashtanova ha affermato che il progetto ha richiesto due settimane e ha generato oltre 2.000 immagini che sono state modificate in Photoshop e ha utilizzato il software Comic Life 3 per disporre le immagini in forma di fumetto.

“Sentivo che questo fumetto non sarebbe esistito senza il mio input umano. Inoltre, non sentivo che fosse stato creato da una macchina, perché sono un ex ingegnere informatico e scrivevo codice. È stato creato da esseri umani per umani da usare”, ha detto Kashtanova Il registro.

Kashtanova ha affermato che una comunità di persone che utilizzano strumenti di intelligenza artificiale come Midjourney si è unita e ha presentato una richiesta di copyright per il loro romanzo grafico per aiutarli a capire se il loro lavoro sarebbe stato protetto dagli occhi della legge.

“È importante perché molti artisti che utilizzano l’IA nel loro processo vogliono sapere se il loro lavoro è protetto da copyright. È anche importante per le startup e le aziende che utilizzano l’IA nel loro processo”.

“Quando il Copyright Office mi ha inviato una lettera [saying] stavano cercando di revocare la mia registrazione del copyright Non volevo litigare, ma non si tratta più di me. È [about setting] un precedente e molte persone stanno aspettando questa decisione per sapere come procedere con l’utilizzo di strumenti di intelligenza artificiale generativa”, ha affermato Kashtanova. ®

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *